La seconda Roma. Splendore e declino di una città dimenticata

La provincia di Caserta – situata pochi kilometri a nord di Napoli – raramente rientra nella top ten delle zone più visitate dai turisti, sia italiani che stranieri. Ed è un vero peccato, se si pensa che l´unica cosa che si ricorda di questa città è solo la Reggia, senza nulla togliere alla sua indiscussa bellezza, che l´ha innalzata alla gloria del grande schermo, come set di Guerre Stellari e Mission Impossible III.
Nonostante di recente siano usciti nelle sale molti film che, sebbene abbiano descritto realisticamente questo territorio e i problemi che lo affliggono, hanno anche spaventato i turisti, il cui numero è calato in maniera drastica. Ad ogni modo, non siamo ancora in Congo, e chi non si fa un giro in queste zone si sta perdendo sicuramente l´occasione di passare un weekend in un posto meraviglioso, lontano dal caos delle mete più gettonate.

La prima tappa che consiglierei è la cittadina di Santa Maria Capua Vetere, un centro di 34 mila abitanti già nota ai tempi di Cicerone, che la definiva una “seconda Roma”, e prima ancora ai tempi dello storico Tito Livio, che la descrisse con le parole “urbis maxima opulentissima que Italiae”, e cioè “la città più grande e ricca in Italia”. Ed entrambi non si sbagliavano: a Santa Maria ci sono monumenti di grande rilievo nell´ambito della storia romana e preromana.

Uno di questi è l´Anfiteatro: il primo ad essere costruito e il secondo in grandezza dopo il Colosseo, al quale fece da modello. Questo teatro fu costruito nel I sec. a. C. durante l´impero di Augusto e usato come arena per i giochi cittadini, i quali includevano sia sfide tra i gladiatori che battaglie navali (in occasione delle quali l´arena veniva riempita di acqua). Poco distante dall´anfiteatro c´era la scuola dei gladiatori, presso la quale si allenava lo stesso Spartaco, leader di una rivolta contro l´esercito romano.

Altro luogo da non perdere è il Mitreo (I sec. a. C.), un tempio dedicato al culto del dio Mitra. Il tempio è situato nei sotterranei di un´abitazione private; ciò significa che bisogna chiedere al proprietario per visitarlo. Ma niente paura, è una persona molto gentile e che può darvi molte informazioni. Dopotutto, si tratta pur sempre di casa sua…

Questi sono solo i due monumenti principali di Santa Maria Capua Vetere. L´intera città è disseminate di reliquie del suo passato “opulento”, che si possono vedere camminando semplicemente per strada. Avendo a disposizione uno spazio limitato, e non potendo quindi descriverle tutte, vi invite caldamente a recarvi di persona sul posto e a toccare con mano i tesori nascosti di una terra ( non sempre a ragione) fin troppo bistrattata.

[English]

You might also like: